Confermato il Nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche: nuove opportunità per gli operatori locali

La rivoluzione nel campo delle comunicazioni a microonde riguarda moltissimi ambiti, da quello radiotelevisivo fino a quello delle trasmissioni internet. In Allnet.Italia siamo pronti a questo nuovo grande salto, e a giocare un ruolo primario nella digitalizzazione del nostro Paese in piena sintonia con gli sfidanti obiettivi del PNRR.

Il 9 Dicembre è stato finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’attesissimo decreto 207/2021 ( lo trovi qui) ad Attuazione della direttiva (UE) 2018/1972 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, per l’istituzione del Codice Europe delle Comunicazioni Elettroniche.

La data da segnare sul calendario è quella del 24 Dicembre 2021 come effettiva entrata in vigore del nuovo testo, anche se l’effettività dei nuovi canoni decorre dal 1 Gennaio 2022. Gli attuali sono effettivamente applicati fino al 31 Dicembre 2021, come confermato nel testo definitivo della legge.

La rivoluzione nel campo delle comunicazioni a microonde riguarda moltissimi ambiti, da quello radiotelevisivo fino a quello delle trasmissioni internet, aspetto che andremmo a considerare più nello specifico.


WISP, ISP e System Integrator, che dovranno in primis cambiare il loro status e diventare  soggetti autorizzati all’installazione e fornitura di reti di comunicazione elettronica, avranno ora a disposizione un listino per le concessioni ministeriali delle bande di frequenza licenziate estremamente vantaggioso. Le tariffe hanno subito una forte riduzione fino (e in alcuni casi anche oltre) al 60% su base annuale e sono stati inoltre aboliti anche gli attuali sconti a volume, normalmente applicati ai grandi operatori, non senza polemiche.

Fino a 10GhzDa 10Ghz a sino a 20GhzDa 20Ghz a sino a 30GhzDa 30Ghz a sino a 40GhzDa 40Ghz a sino a 50GhzOltre i 50Ghz
Banda inferiore ai 25kHz€ 48,00
Banda tra i 25kHz e i 125kHz€ 185,00
Banda tra i 125kHz e i 250kHz€ 370,00
Banda tra i 250kHz e i 500kHz€ 530,00
Banda tra 500kHz e 1,75MHz€ 695,00€ 350,00€ 240,00€185,00€11,00€ 65,00
Banda tra 1,75MHz e 13,5MHz€ 1441,00€ 690,00€ 558,00€ 423,00€ 145,00€ 90,00
Banda tra 3,5MHz e 7MHz€ 1385,00€ 899,00€ 817,00€ 461,00€ 285,00€ 170,00
Banda tra 7MHz e 14MHz€ 1925,00€ 1146,00€ 1150,00€ 656,00€ 420,00€ 250,00
Banda tra 14MHz e 28MHz€ 1634,00€ 1104,00€ 764,00€ 503,00€ 560,00€ 335,00
Banda tra 28MHz e 56MHz€ 2120,00€ 1380,00€ 1140,00€710,00€ 700,00€ 420,00
Banda tra 56MHz e 112MHz€ 3693,00€ 1925,00€ 2133,00€ 1000,00€ 830,00€ 500,00
Banda tra 112MHz e 500MHz€ 4015,00€ 3615,00€ 2405,00€ 1592,00€ 955,00€ 575,00
Banda superiore a 500MHz€ 4615,00€ 4157,00€ 2765,00€ 1830,00€ 1097,00€ 660,00
Art.5 Contributo annuo per l’uso di risorse scarse ( Valori in Euro) – Pag. 154 del DCLV 207/2021

Il vantaggio maggiore lo vedranno piccoli e medi operatori che inizieranno a pagare per l’effettivo utilizzo della rete, andando quindi a rendere possibile la copertura di zone in digital divide come minore remunerazione di mercato.

Ad integrazione delle principali novità sulle tariffe, se ne contano anche altre di altrettanto interesse:

– Presentazione di nuove modalità per l’attivazione dell’iter di Autorizzazione Generale.

– Inserimento di un sistema sanzionatorio stringente, per spingere chiunque non sia in regola con le autorizzazioni a rivedere il proprio parco installato e a sanarlo



In Allnet.Italia siamo pronti a questo nuovo grande salto, e a giocare un ruolo primario nella digitalizzazione del nostro Paese in piena sintonia con gli sfidanti obiettivi del PNRR

Contattaci per avere maggiori informazioni o una consulenza gratuita e per scoprire i nostri prodotti Ceragon per il tuo business e infrastruttura.

La soluzione mmW del futuro

La crescente necessità di maggiore banda e copertura 5G per soddisfare le richieste del mercato e la necessità di spostarsi sempre più verso architetture di rete aperte hanno fatto si che lo sviluppo e l’adozione della tecnologia mmW sia cresciuta, e continui a crescere, a ritmi sostenuti.

Troubleshooting: I costi nascosti della tua infrastruttura IT

Le aziende spendono mediamene tra i 3 ed i 4 mila euro al mese nella risoluzione dei problemi IT e di rete. Scopriamo insieme gli strumenti che possono aiutarci a ridurre notevolmente il tempo dedicato alle assistenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: